Golden State stecca la prima e Houston ringrazia !

I Golden State Warriors steccano la gara d’esordio contro i quotati Houston Rockets perdendo di misura 122-121 con K. Durant che infila il canestro della vittoria sulla sirena ma il replay non lo convalida per una frazione di secondo. I Warriors comandano per 3/4 di gara ma Houston ha la voglia e la bravura di rimanere attaccato al match nonostante la superiorità dei padroni di casa a tratti sia davvero vistosa. Il quarto periodo recita un impietoso 34-20 a favore degli ospiti che possono contare su un J. Harden già in palla che chiude a 27 punti (4/9 da 3 punti), 6 rimbalzi, 10 assist, 1 recupero; preziosi anche i 24 punti dalla panchina (9/16 dal campo) di E. Gordon e i 20 punti (6/9 dal campo, 4/6 da 3 punti) di P. Tucker. Ai Warriors non basta tirare con il 53% dal campo, il 53% da 3 punti (16/30) e il 90% ai liberi (19/21). Top scorer dei suoi è N. Young che dalla panchina mette a referto 23 punti (8/9 dal campo, 6/7 da 3 punti). S. Curry ne aggiunge 22 mentre Durant ne infila 20. D. Green sfiora la tripla doppia con 9 punti, 11 rimbalzi, 13 assist, 1 stoppata.

Dramma Hayward ! Boston di cuore ma L. James domina e vince la gara da solo

Esordio amaro per i Boston Celtics che perdono nel primo quarto il loro uomo di riferimento G. Hayward a causa di un gravissimo infortunio(per lui frattura alla caviglia sinistra) ed escono sconfitti dal parquet dei Cleveland Cavaliers per 102-99. Boston ci mette il cuore recuperando dal -18 restando in partita fino alla fine con K. Irving che  sbaglia la tripla del pareggio sulla sirena finale. Il dominatore di serata è per l’ennesima volta “The King” LeBron James che vince la partita da solo sfiorando la tripla doppia con 29 punti (12/19 dal campo, 4/4 ai liberi), 16 rimbalzi, 9 assist, 2 stoppate; doppia doppia anche per K. Love con 15 punti e 11 rimbalzi; D. Rose contribuisce con 14 punti, J. Crowder 11, J. Smith 10. Boston replica con i 25 punti di J. Brown, i 22 punti, 4 rimbalzi, 10 assist, 3 recuperi di K. Irving, i 14 punti, 10 rimbalzi, 3 assist di J. Tatum e i 12 punti, 9 rimbalzi, 3 assist, 2 recuperi, 2 stoppate di M. Smart. Esordio positivo dunque per i Cavaliers che hanno ancora ai box il suo playmaker Isaiah Thomas mentre per i diretti rivali ad est sembra già notte fonda a causa della perdita del suo uomo di punta G. Hayward.