NBA: I Miami Heat donano un milione di dollari all’Unicef

download

I Miami Heat hanno donato un milione di dollari all’ Unicef per la calamità naturale accaduta  nelle Filippine. L’annuncio è arrivato direttamente da Erik Spoelstra, coach degli Heat, che ha origini filippine. La tragedia ha mietuto migliaia di vittime e tantissime persone sono rimaste senza niente. Ecco le parole di Spoelstra in un video messaggio: “La devastazione causata dal tifone è stata catastrofica, e milioni di bambini sono stati colpiti”  e poi ha invitato tutti ad aiutare l’Unicef inviando fondi per l’acquisto di generi di prima necessità e medicine.

NBA: Houston passa a New York, Golden State di misura su Oklahoma City

James Harden
James Harden
Carmelo Anthony
Carmelo Anthony

AL  Madison Square Garden di New York gli Houston rockets battono i Knicks 109-106. Questi i parziali: 28-23 (Hou), 29-25 (New York), 22-20 (Hou), 34-34 (pari). La franchigia di casa trova un Carmelo Anthony che in una discreta serata ne manda a referto 45 (17/30 dal campo, 2/4 da 3, 9/11 ai liberi) conditi da 10 rimbalzi e 4 asssit; gioca molto bene anche Andrea Bargnani che ne infila 24 (9/12 dal campo, 3 su 3 da 3 punti), 4 rimbalzi in 33′ giocati. I Rockets ritrovano un James Harden che dopo aver saltato la trasferta di Philadelphia ritrova subito il ritmo giusto refertando 36 punti (9/17 dal campo e 16/18 ai liberi), 9 rimbalzi e 2 assist. Parsons ne mette 22, Lin 21; Howard si guadagna i soliti 15 rimbalzi ma tira poco ed è poco preciso (7 punti con 1/5 dal campo). Gara in rimonta per gli Oklahoma City Thunder che però devono cedere 116-115 sul  parquet dell’Oracle Arena di Oakland contro i quotati Golden State Warriors. Ecco i parziali: 33-32 (OKC), 30-29 (GS), 33-24 (GS), 29-21 (OKC). OKC domina ha rimbalzo difensivo e offensivo (48 totali contro i 31 di GS), tira meglio dal campo, ha la stessa percentuale degli avversari ai liberi, ma Golden State tira meglio da 3 punti, prendendosi lo stesso numero di tiri, con un 61% (14/23) contro il 41% di OKC (9/22). Sponda Warriors nessuno va in doppia doppia ma Klay Thompson referta 27 punti con un 10/15 dal campo e un invidiabile 6/9 da 3 punti con Sthepen Curry che lo segue a ruota con 22 punti (4/8 da 3 punti), 9 assist e 5 rimbalzi; David Lee 20 punti, Barnes 16 e Iguodala 14 (5/6 dal campo e 2/2 da 3) con 9 assist e 1 rimbalzo chiudono il cerchio. Sponda OKC ritrova il ritmo gara anche Russel Westbrook che dopo le prime partite di rodaggio referta 31 punti (13/20 dal campo), 9 rimbalzi, 5 assist, 3 recuperi; Ibaka va in doppia doppia con 27 punti (9/14 dal campo, 9/9 ai liberi), 13 rimbalzi e 3 stoppate; Kevin Durant referta 20 punti, 7 rimbalzi, 8 assist; R. Jackson dalla panchina chiude con 12 punti.

NBA: Vittorie per Bargnani e Belinelli, i Clippers battono Oklahoma City

New York Knicks Media Day

Andrea Bargnani è un protagonista nella vittoria dei New York Knicks per 95-91 sul parquet della Philips Arena di Atlanta. Il “Mago” chiuderà con una doppia doppia da 20 punti (8/15 dal campo e 2/4 da 3), 11 rimbalzi, 2 assist, 1 stoppata in 31′ sul parquet; il miglior realizzatore per New York è C. Anthony con 25 punti (9/25 dal campo e 3/6 da 3). Bella serata anche per Marco Belinelli che mette a segno 10 punti (4/6 dal campo), 5 rimbalzi, 8 assist in 23′ sul parquet, nella vittoria di San Antonio su Washington per 92-79. Sponda Spurs serata no per Tim Duncan con un disastroso 1/12 dal campo ma la panchina porta 49 punti. Al Wells Fargo Center di Philadelphia i 76ers battono all’overtime i Rockets (senza Harden fuori per infortunio) 123-117. Per gli ospiti non bastano i 34 punti (9/15 da 3),12 assist e 5 rimbalzi di Jeremy Lin mentre per i 76ers risponde James Anderson con 36 punti (6/8 da 3), 5 rimbalzi e 3 recuperi mentre  Tony Wroten

marco-belinelli-spurs2

referta una tripla doppia da 18 punti, 10 rimbalzi e 11 assist. I Nets escono sconfitti da Sacramento 107-86, i Lakers perdono a Denver 111-99 e Boston perde in casa contro i Bobcats. Il big match della notte allo Staples Center di Los Angeles tra Clippers e gli Oklahoma City Thunder finisce 111-103 in favore dei padroni di casa. I Clippers dominano a rimbalzo (50-35 sia difensivo che offensivo) e mandano tutto il quintetto iniziale in doppia cifra con le doppie doppie di Paul 14 punti, 16 assist, 7 rimbalzi, 3 recuperi, 1 stoppata e Blake Griffin 22 punti, 12 rimbalzi, 7 assist e 3 recuperi, mentre dalla panchina esce Crawford con 20 punti. Sponda Thunder, Kevin Durant e Russel Westbrook vanno in doppia doppia rispettivamente con 33 punti, 10 assist, 6 rimbalzi e 19 punti, 10 assist e 4 rimbalzi; Ibaka piazza un perfetto 6/6 dal campo con 13 punti a referto.

NBA: Vittorie interne per Miami, Dallas, Lakers e Warriors

download Si sono giocate quattro partite della notte in NBA e quattro sono state le vittorie interne con largo margine di punteggio. Miami vince 118-95 contro i Bucks chiudendo di fatto il match già alla fine del terzo quarto di gara . Sponda Heat da segnalare i 33 punti in 30′ giocati (13/21 dal campo e 4/7 da 3 punti) di LeBron James, i 19 di Beasley (8/12 dal campo), i 15 di Chalmers e i 10 di Bosh; per  i Bucks 18 punti a testa per Henson e  Neal. Nessuno dei giocatori delle due franchigie va in doppia dopppia. Dallas batte Washington 105-95. Ai Wizards non bastano i 27 punti di Ariza (10/17 dal campo e  5/11 da 3), le doppie doppie di Gortat (12 punti, 12 rimbalzi, 4 stoppate) e di Wall ( 14 punti, 10 assist e 5 rimbalzi) e i 14 punti, 7 rimbalzi e 3 assist di Hilario. Sponda Mavericks spiccano i 19 punti a testa di Nowitzki e Monta Ellis, seguiti dai 16 di Carter, i 15 di Dalembert e gli 11 di Calderon. Passeggiata di salute per i Los Angeles Lakers vittoriosi sui New Orleans Pelicans 116-95. Sponda Lakers, J. Hill è il migliore con una doppia doppia da 21 punti, 11 rimbalzi , 2 assist; bene anche Young con 17 punti, Meeks e Henry con 15 punti a testa, Gasol con 14 punti, 8 rimbalzi, 3 asssit. Vittoria semplice anche per i Golden State Warriors che hanno la meglio sui Detroit Pistons 113-95. Per Detroit non basta la buona prova di Drummond con la doppia doppia da 16 punti (8/10 dal campo), 14 rimbalzi, 3 recuperi e 3 stoppate. Il nostro Datome entra quando la partita è già compromessa segnando 10 punti con un incoraggiante 4/6 dal campo con 2 canestri da 3 punti. Golden State mette in ghiaccio la partita già all’intervallo lungo con due parziali da 35-16 e 27-25. Nessuno va in doppia doppia con un Curry sopra tutti che referta 25 punti (7/10 dal campo, 9/9 dalla carità), 8 asssit e 2 rimbalzi. Molto bene anche Jermaine O’ Neal con 17 punti e un quasi perfetto 7/8 dal campo, David Lee con altri 17 punti (6/10 dal campo) conditi da 9 rimbalzi e 2 assist e Thompson con 14 punti (6/9 dal campo).