Crea sito

I Warriors dominano anche gara -2 con un super Durant e la tripla doppia di Curry ! Inutile la tripla doppia di L. James

I Golden State Warriors vincono anche gara -2 delle finali NBA dominando con il punteggio di 132-113 e si portano sul 2-0 nella serie con un parziale da record di 14-0 nei playoff. Si va all’intervallo lungo in sostanziale equilibrio con i padroni di casa avanti 67-64 ma è ancora il terzo periodo a indirizzare il match in maniera definitiva con un parziale di 35-24 che porta i Warriors sul +14 a 12′ dalla sirena finale. Golden State tira con il 51% dal campo e il 91% ai liberi (22/24). Arriva la prima tripla doppia in assoluto nei playoffs di S. Curry con 32 punti (7/17 dal campo, 4/11 da 3 punti, 14/14 ai liberi), 10 rimbalzi, 11 assist, 1 recupero, 8 palle perse mentre uno stellare K. Durant piazza 33 punti (13/22 dal campo, 4/8 da 3 punti, 3/3 ai liberi), 13 rimbalzi, 6 assist, 3 recuperi, 5 stoppate; grandissima prova anche per K. Thompson con 22 punti (8/12 dal campo, 4/7 da 3 punti), 7 rimbalzi, 1 assist; partita solida anche per D. Green con 12 punti (4/8 dal campo, 3/6 da 3 punti), 6 rimbalzi, 6 assist, 1 recupero; completano l’opera le doppie cifre dalla panchina di S. Livingston (4/7 dal campo) e di I. Clark (4/8 dal campo) con 10 punti a testa. Sponda Cavaliers, a nulla vale l’8° tripla doppia nelle finali NBA di LeBron James che raggiunge così Magic Johnson; il “Re” piazza 29 punti (12/18 dal campo), 11 rimbalzi, 14 assist, 3 recuperi, 1 stoppata. Prima di stanotte, solo una partita di playoff ha avuto due opposti giocatori con triple doppie a referto e risale a 47 anni fà. Bene anche K. Love con 27 punti (12/23 dal campo), 7 rimbalzi, 2 recuperi mentre K. Irving non incide con 19 punti (8/23 dal campo), 2 rimbalzi, 7 assist, 2 recuperi. Dalla panchina dei Cavs il 2/16 in combinata di D. Williams, I. Shumpert e C. Frye non aiuta gli ospiti. Coach Steve Kerr torna finalmente ad allenare in panchina dopo il lungo stop. Ora la serie si sposta a Cleveland per gara -3 e -4 dove vedremo se ci sarà una reazione dei Cavs oppure lo strapotere dimostrato fin adesso dai Warriors li porterà al facilmente al trionfo.

NBA Finals gara -1: I Golden State Warriors dominano i Cavaliers ! Show di Durant e Curry

Alla Oracle Arena di Oakland va in scena gara -1 delle finali NBA 2017 tra Golden State Warriors e Cleveland Cavaliers che si affrontano per la terza volta consecutiva in finale. I Warriors dominano gli avversari vincendo nettamente con il punteggio di 113-91. All’intervallo lungo il punteggio è di 60-52 a favore dei padroni di casa che effettuano l’allungo decisivo in apertura di terzo periodo con un parziale umiliante di 13-0, portandosi sul +21 e mettendo la gara in ghiaccio. Il dominio è talmente palese che nei primi tre quarti di gara il tabellino mette a referto un’imbarazzante 10-0 per quanto riguarda le palle recuperate mentre per quanto riguarda le palle perse un 16-4 che non ha bisogno di commenti. Il quarto periodo è un lungo e noioso garbage time. Per gli ospiti si salvano i soliti noti ovvero LeBron James e K. Irving; LeBron mette a segno una doppia doppia da 28 punti (9/20 dal campo, 8/12 ai liberi), 15 rimbalzi, 8 assist, 2 stoppata, 8 palle perse mentre Irving aggiunge 24 punti (10/22 dal campo, 3/4 da 3 punti); doppia doppia anche per K. Love da 15 punti (4/13 dal campo, 3/6 da 3 punti, 4/4 ai liberi), 21 rimbalzi, 1 assist, 3 stoppate.  I Warriors trovano gli show di K. Durant e S. Curry. Durant è il man of the match con 38 punti (14/26 dal campo, 3/6 da 3 punti, 7/8 ai liberi), 8 rimbalzi, 8 assist mentre Curry lo supporta con una straordinaria doppia doppia da 28 punti (11/22 dal campo, 6/11 da 3 punti), 6 rimbalzi, 10 assist, 3 recuperi; sempre prezioso D. Green con 9 punti, 11 rimbalzi, 2 assist, 2 recuperi, 1 stoppata. Si replica domenica sempre alla Oracle Arena con gara -2.

Cleveland è in finale ! Il “Re” LeBron continua la missione diventando il miglior realizzatore di sempre nella storia dei playoffs

I Cleveland Cavaliers distruggono i Boston Celtics in gara -5 con il punteggio di 135-102 tirando con il 56% dal campo, vincendo 4-1 la serie e conquistandosi la finale NBA in programma a partire dal 1 di giugno contro i Golden State Warriors. I Cavs e LeBron James fanno il pieno di record. Con un primo quarto da 43-27 Cleveland aggiorna il record di franchigia per quanto riguarda i punti segnati in un quarto nei playoffs; con il 75-57 dell’intervallo lungo i Cavaliers aggiornano il record di franchigia di punti segnati alla fine del primo tempo in una partita di playoffs oltre ad essere in assoluto il più alto punteggio mai messo a referto in una gara di playoffs dal 2003; LeBron James ha superato Michael Jordan diventando il miglior realizzatore di sempre nei playoffs e ha superato Manu Ginobili salendo al 3° posto assoluto per quanto riguarda i canestri segnati da 3 punti nei playoffs. Ecco i parziali della gara (43-27), (32-30), (34-17), (26-28). LeBron James arriva alla 7° finale di fila (8° in carriera) piazzando 35 punti (13/18 dal campo, 4/7 da 3 punti, 5/8 ai liberi), 8 rimbalzi, 8 assist, 3 recuperi, 1 stoppata; K. Irving aggiunge 24 punti (9/15 dal campo, 4/8 da 3 punti, 2/2 ai liberi), 2 rimbalzi, 7 assist, 2 recuperi; ancora doppia doppia per K. Love con 15 punti, 11 rimbalzi, 3 assist, 4 recuperi, 1 stoppata; dalla panchina ci sono i 14 punti (5/6 dal campo, 2/3 da 3 punti, 2/2 ai liberi) di D. Williams. Tra una settimana inizia l’appuntamento per aggiornare nuovamente la storia di questo sport…

Cleveland batte Boston e ipoteca la finale ! Big Three da favola con 93 punti a referto

I Cleveland Cavaliers battono i Boston Celtics 112-99 in gara -4 della finale di Eastern Conference portandosi avanti 3-1 nella serie. I Cavs tirano con il 59% dal campo. I Big Three vincono da soli la partita realizzando 93 punti. Nel primo tempo ci sono problemi di falli per LeBron James che ne ha 4 abbondantemente prima dell’intervallo lungo. Sotto di 10 punti all’intervallo lungo (57-47), Cleveland reagisce con un terzo quarto da 40-23 con 21 punti di K. Irving. Nel quarto periodo i padroni di casa consolidano il vantaggio con un parziale di 25-19. K. Irving segna 42 punti, playoff career-high (15/22 dal campo, 4/7 da 3 punti, 8/9 ai liberi), 3 rimbalzi, 4 assist; LeBron James referta 34 punti (15/27 dal campo, 1/6 da 3 punti, 3/4 ai liberi), 5 rimbalzi, 6 assist, 1 recupero, 1 stoppata, 5 palle perse mentre K. Love aggiunge una doppia doppia da 17 punti (6/13 dal campo, 3/5 da 3 punti, 2/2 ai liberi), 17 rimbalzi, 5 assist, 1 recupero, 2 stoppate. Boston Celtics: A. Bradley 19 punti; J. Crowder 18 punti; A. Horford 16 punti; K. Olynyk 15 punti. Gara -5 si trasferisce a Boston per il Win or go Home.

Golden State Warriors da record: vincono la Western Conference per il terzo anno di fila !

I Golden State Warriors si aggiudicano gara -4 contro i San Antonio Spurs 129-115 (4-0 la serie) e vincono la Western Conference per il terzo anno di fila. Golden State diventa così la prima squadra di sempre a cominciare i playoffs Nba con 12 vittorie su 12. Mai nessuno infatti nella storia della NBA ha iniziato i playoff 12-0 e solo i Lakers hanno fatto 11-0 (1987 e 2001). Golden State inoltre è l’unica squadra oltre ai Lakers ad aver vinto la Western Conference per tre anni di fila. Le finali NBA cominceranno il primo giugno in casa Warriors contro Cleveland o Boston. Steph Curry ha superato Kobe Bryant (292) al 5º nella classifica delle triple a bersaglio nei playoffs. Ai tifosi di San Antonio non resta che omaggiare con un lungo applauso Manu Ginobili che potrebbe aver giocato la sua ultima gara. Le assenze forzate di Parker e Leonard hanno compromesso questa finale di Conference. I Warriors tirano con il 55% dal campo. S. Curry referta 36 punti (14/24 dal campo, 5/13 da 3 punti, 3/3 ai liberi), 5 rimbalzi, 6 assist, 6 palle perse; K. Durant aggiunge una doppia doppia da  29 punti (10/13 dal campo, 2/4 da 3 punti, 7/7 ai liberi), 12 rimbalzi, 4 assist, 1 stoppata, 5 palle perse; D. Green referta 16 punti (5/10 dal campo), 8 rimbalzi, 8 assist, 2 recuperi; I. Clark dalla panchina piazza 12punti (5/10 dal campo). San Antonio trova i 20 punti dalla panchina di K. Anderson (8/14 dak campo,), 6 rimbalzi, 2 assist, 4 recuperi e i 14 punti di P. Gasol (6/8 dal campo), 9 rimbalzi, 3 assist. M. Ginobili, passato nel quintetto iniziale, referta 15 punti (6/12 dal campo), 7 assist, 3 recuperi.

Boston recupera dal -21 e vince a Cleveland ! A. Bradley decide con la tripla sulla sirena

I Boston Celtics recuperano d’orgoglio una gara compromessa dal -21 del terzo quarto e vanno a vincere gara -3 sul parquet dei Cleveland Cavaliers 111-108 riaprendo una serie che sembrava già chiusa. La gara è a senso unico fino all’intervallo lungo con un sonoro 66-50 a vantaggio dei padroni di casa che aumentano il distacco anche durante il terzo quarto quando toccano il +21. Cleveland spegne la luce e Boston inizia a infilare triple. Si arriva così al 108 pari a 10″ dalla sirena finale con palla in mano a Boston che trova la tripla vincente di A. Bradley con un decimo sul cronometro. I Celtics trovano il Career high nei playoff di M. Smart da 27 punti (8/14 dal campo, 7/10 da 3 punti, 4/6 ai liberi), 5 rimbalzi, 7 assist, 2 recuperi, 1 stoppata mentre A. Bradley aggiunge 20 punti (3/8 da 3 punti). A. Horford piazza 16 punti, K. Olynyk 15 (5/8 dal campo), J. Crowder una doppia doppia da 14 punti, 11 rimbalzi, 3 assist, 3 recuperi e J. Jerebko 10 punti (4/4 dal campo, 2/2 da 3 punti), 5 rimbalzi, 1 assist, 1 stoppata. Cleveland risponde con i 29 punti (10/15 dal campo, 4/6 da 3 punti, 5/5 ai liberi), 2 rimbalzi, 7 assist, 1 recupero di K. Irving e con la doppia doppia da 28 punti (8/16 dal campo, 7/13 da 3 punti, 5/6 ai liberi), 10 rimbalzi, 3 assist, 3 recuperi di K. Love. Bene  T. Thompson con una doppia doppia da 18 punti (3/4 dal campo, 12/15 ai liberi), 13 rimbalzi, 1 assist, 1 stoppata e J. Smith con 13 punti (4/8 dal campo, 4/8 da 3 punti) e 8 rimbalzi. Serata da dimenticare per LeBron James che rimane a secco negli ultimi 16′ e 31″ di gara e chiude con soli 11 punti a referto (4/13 dal campo, 0/4 da 3 punti, 3/6 ai liberi), 6 rimbalzi, 6 assist, 1 recupero, 1 stoppata, 6 palle perse. Sponda Cavaliers pesano i soli 9 punti messi a referto dalla panchina con  l’1/10 in combinata di K. Korver, R. Jefferson e D. Williams. Gara -4 si gioca ancora a Cleveland.

I Warriors ipotecano la finale con un super Durant ! ad est playoff finiti per Isaiah Thomas

I Golden State Warriors vincono gara -3 contro i San Antonio Spurs 120-108 portandosi sul 3-0 nella serie e ipotecando di fatto il passaggio alla finale NBA, diventando anche la terza squadra di sempre a partire 11-0 nei playoff pareggiando l’11-0 dei Lakers del 1989 e 2001. Zaza Pachulia (Golden State) salta il match a causa di una contusione al tallone destro. San Antonio deve rinunciare agli ormai noti infortunati Parker e Leonard e a partita in corso deve rinunciare anche a David Lee (solo 2′ di gioco per lui) a causa di un infortunio al ginocchio sinistro che sembra serio. San Antonio ci mette il cuore ma all’intervallo lungo i Warriors sono a vanti 64-55. Nel terzo periodo K. Durant sale in cattedra segnando 19 punti e Golden State va avanti 100-88 mettendo fine alle speranze di rimonta degli ospiti. I Warriors tirano con il 54% dal campo e mandano tutto il quintetto iniziale in doppia cifra capitanato dalla doppia doppia da 33 punti (11/19 dal campo, 3/5 da 3 punti, 8/10 ai liberi), 10 rimbalzi, 4 assist, 2 recuperi, 1 stoppata, 7 palle perse di Durant mentre S. Curry aggiunge 21 punti (8/15 dal campo, 3/7 da 3 punti), 5 rimbalzi, 3 assist, 6 recuperi, 5 palle perse. K. Thompson piazza 17 punti (3/6 da 3 punti) mentre J. McGee aggiunge 16 punti (6/9 dal campo) in soli 13′ giocati. Il migliore degli Spurs è Ginobili che a quasi quarant’ anni piazza 21 punti dalla panchina (7/9 dal campo, 2/3 da 3 punti, 5/8 ai liberi), 1 rimbalzo, 2 assist, 1 recupero in 18′ di gioco. Intanto ad est è ufficiale: Isaiah Thomas è fuori per il resto dei playoff a causa dell’infortunio all’anca riacutizzatosi in gara -2 tra Celtics e Cavs.

Ecco tutti i finalisti per i premi NBA 2016-17

I vincitori dei premi per la regular season NBA 2016-17 verranno annunciati il 26 giugno a New York.

Ecco la lista dei finalisti per i premi NBA 2016-17:

Per l’MVP 2016-17 James Harden (Rockets) Russell Westbrook (Thunder) Kawhi Leonard (Spurs)

Per il premio di coach dell’anno 2016-17 Mike D’Antoni (Rockets) Gregg Popovich (Spurs) Erik Spoelstra (Heat)

Per il premio di Rookie dell’Anno 2016-17 Joel Embiid (Sixers) Malcolm Brogdon (Bucks) Dario Saric (Sixers)

Per il premio di 6º Uomo dell’anno 2016-17 Lou Williams (Rockets) Andre Iguodala (Warriors) Eric Gordon (Rockets)

Per il premio di Giocatore più migliorato 2016-17 Nikola Jokic (Nuggets) Giannis Antetokounmpo (Bucks) Rudy Gobert (Jazz)

Per il premio di Difensore dell’anno 2016-17 Draymond Green (Warriors) Rudy Gobert (Jazz) Kawhi Leonard (Spurs)

 

I Cavaliers umiliano i Celtics ! LeBron James e Cleveland aggiornano i record

I Cleveland Cavaliers umiliano i Boston Celtics in gara -2 della finale di Eastern Conference vincendo con un imbarazzante 130-86 e volano sul 2-0 nella serie. I numeri di Cleveland nei playoff sono impietosi: 13 vittorie di fila (una vittoria dalla storia per superare i Lakers ’88-’89); record di franchigia per punti fatti in una partita di playoff; LeBron James tocca quota 30 punti per l’8ª partita di fila (1° giocatore da Michael Jordan) disputando i suoi migliori playoff di sempre; Il +41 (72-31) di Cleveland su Boston è il massimo vantaggio al riposo nella storia dei Playoff. Sempre LeBron James diventa il 2° miglior giocatore nella storia dei playoff per quanto riguarda le palle recuperate (377) superando Michael Jordan. Ecco i parziali : (32-18), (40-13), (31-26), (27-29). Boston perde anche Isaiah Thomas durante il match per un problema all’anca e in 18′ giocati chiude con 2 punti e 0/6 al tiro. I Cavs tirano con il 56% dal campo e il 48% da 3 punti (19/39). LeBron James referta 30 punti (12/18 dal campo, 4/6 da 3 punti, 2/4 ai liberi), 4 rimbalzi, 7 assist, 4 recuperi, 3 stoppate; K. Irving aggiunge 23 punti (8/11 dal campo, 3/6 da 3 punti, 4/5 ai liberi) mentre K. Love va in doppia doppia con 21 punti (7/14 dal campo, 4/9 da 3 punti, 3/4 ai liberi), 12 rimbalzi, 2 assist, 1 recupero. Ora la serie si sposta a Cleveland.

Ecco i tre quintetti All NBA 2016-17